Il sondaggione: quanto Pennywise ha influito sulla nomea dei clown? 51




Secondo quanto riporta Internazionale dell’11 dicembre 2014, i pagliacci statunitensi sono stufi di essere associati al cinema horror. Pare che l’ultimo in ordine di tempo sia stato il clown Twisty… però secondo loro un (de)merito ce l’ha anche Stephen King con il suo beniamino Pennywise, l’antagonista di It. E voi, che ne pensate?

Quanto Pennywise ha influito sulla nomea dei clown?

Risultati

Loading ... Loading ...

 

«A signo', quanto gliea faccio spessa 'a fettina?»

«A signo’, quanto gliea faccio spessa ‘a fettina?»

Ora, capisco che la sportività non è una caratteristica così diffusa, e anche che la maschera del clown è obbiettivamente inquietante, ma che un’intera associazione di clown americani protesti mi sembra davvero un’esagerazione.

Non so, è come se la lega dei giocatori di hockey si lamentasse dell’immagine che ne da Jason Voorhees indossandone una maschera. Roba che dovrebbero vedersela subito con la lobby dei macellai, potentissima e ben armata.

Secondo voi, è peggio questo o la parola "coulrofobia"?

Secondo voi, è peggio questo o la parola “coulrofobia”?

Addirittura, in un articolo, il presidente di questa associazione ha coniato il termine coulrofobia, cioè la paura irrazionale dei clown.

Ora, l’articolo di Internazionale sostiene che, prima di arrivare al terribile Twisty di American horror story, c’è stato il celebre Pennywise, il mostro creato da Stephen King nel suo romanzo “Hit” (sigh!).

E voi, che ne pensate?

QR Code

Un clown non si nega a nessuno!

Se desideri aggiungere questo film all’elenco dei regali che vorresti ricevere, scandisci il codice a barre oppure clicca qui, per aggiungerlo all’elenco dei regali sulla tua App YourWishes.online.

Non hai ancora scaricato l’App? Provala, è gratuita!


Marco Spedaletti

Informazioni su spotlessmind1975

Progettista, analista e sviluppatore, ho ideato e gestito soluzioni innovative per clienti di primaria importanza, privati e istituzionali, utilizzando diverse tecniche e linguaggi di programmazione. Attualmente sono consulente per la stesura di offerte tecniche mirate, e libero professionista orientato alla soluzione di problemi attraverso l’utilizzo dei computer (Software Problem Solver).